08 luglio 2018
SALDI ESTIVI 2018: QUANTO DURERANNO GLI SCONTI? SCOPRIAMOLO REGIONE PER REGIONE ED OSSERVIAMO POCHE SEMPLICI REGOLE
Anche la Toscana, come tutte le altre regioni d’Italia, è pronta per concedere ai cittadini gli sconti per i tanto attesi saldi estivi 2018. In quasi tutte le regioni, i saldi inizieranno il 7 luglio per concludersi a fine agosto o inizio settembre

Scopriamo insieme il calendario completo con l’inizio e la fine dei saldi estivi 2018:

Abruzzo: dal 7 luglio al 29 agosto
Basilicata: dal 7 luglio al 2 settembre
Calabria: dal 7 luglio al 1° settembre
Campania: dal 7 luglio al 30 agosto
Emilia Romagna: dal 7 luglio al 30 agosto
Friuli Venezia Giulia: dal 7 luglio al 30 settembre
Lazio: dal 7 luglio per sei settimane
Liguria: dal 7 luglio al 14 agosto
Lombardia: dal 7 luglio al 30 agosto
Marche: dal 7 luglio al 1° settembre
Molise: dal 7 luglio al 30 agosto
Piemonte: dal 7 luglio per otto settimane
Puglia: dal 7 luglio al 15 settembre
Sardegna: dal 7 luglio al 30 agosto
Sicilia: dal 1° luglio al 15 settembre
Toscana: dal 7 luglio al 30 agosto
Umbria: dal 7 luglio al 30 agosto
Valle D'Aosta: dal 7 luglio al 1° settembre
Veneto: dal 7 luglio al 31 agosto
Provincia autonoma di Trento: dal 7 luglio al 12 agosto
Provincia autonoma di Bolzano: a discrezione dei commercianti

Ovviamente, il periodo dei saldi può nascondere degli inganni per i consumatori.
Adiconsum Toscana vi presenta un piccolo vademecum da non sottovalutare:

La merce deve contenere non solo il prezzo finale scontato ma anche il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto;
La merce che trovate in vetrina deve corrispondere esattamente alla merce presente in negozio;
I negozi che espongono cartelli con sconti particolarmente alti possono nascondere delle truffe poiché gli sconti al 50/60% possono evidenziare dei capi non realmente nuovi;
Anche se il commerciante può scegliere se far provare la merce o meno, diffidate dai capi di abbigliamento che non vi permettono di provare;
I negozianti che espongono il logo con la possibilità di pagamento con bancomat o carte di credito devono accettare i pagamenti elettronici senza poter rifiutare;
Lo scontrino va sempre conservato per poter cambiare la merce difettosa;
La merce difettosa può essere riconsegnata al commerciante entro due mesi dalla scoperta del difetto.

Ricordatevi che qualora i commercianti si rifiutino di cambiare la merce difettosa, potete essere assistiti dalle sedi territoriali Adiconsum.
Dopo aver letto attentamente il vademecum siete pronti per i vostri acquisti!
Buono shopping!

condividi su facebook