24 aprile 2018
VODAFONE: CHI SUBIRA' I NUOVI AUMENTI?
A partire dal 27 maggio 2018, alcune offerte mobili prepagate subiranno un rincaro mensile previsto nelle condizioni tariffarie. Si tratta di un aumento del rinnovo mensile che potrà variare da 0,69 euro ad 1,49 euro.

A chi saranno rivolti i rincari? Principalmente alle tariffe "Special". Chi usufruisce dei vantaggi offerti dalla "Special 10GB" e dalla "Special 20 GB" si ritroverà a dover pagare in più 0,99 euro al mese. Ancora non è ben chiara la lista delle offerte coinvolte poiché la Vodafone si riserva di comunicarlo nei prossimi giorni.
Coloro i quali usufruiscono di un'offerta che include telefono, tablet, Mobile Wi-Fi oppure in cui è previsto un contributo di attivazione pagato a rate, continueranno il pagamento con la medesima cadenza e metodo di pagamento.
Sul sito Vodafone informano i clienti che saranno avvisati dei nuovi aumenti attraverso un SMS.

Come recedere dal contratto?
Per recedere dal contratto oppure per passare ad un altro operatore senza penali e fino al giorno prima della modifica contrattuale, basta andare sul sito variazioni.vodafone.it oppure inviare una raccomandata a/r a "Servizio Clienti Vodafone - Casella postale 190 - 10015 Ivrea - Torino". In alternativa, è possibile inviare una pec all'indirizzo vodafoneomnitel@pocert.vodafone.it, chiamare il Servizio Clienti 190 oppure compilare l'apposito modulo nei negozi Vodafone, indicando nella causale del recesso "modifica delle condizioni contrattuali".

Qual è la motivazione che ha spinto Vodafone agli aumenti?
Secondo quanto espresso dalla compagnia, gli aumenti sono dovuti "alle mutate condizioni di mercato e per continuare a garantire la qualità dei servizi legata agli investimenti sulla rete".

Adiconsum continua a seguire le novità delle compagnie telefoniche con molto interesse poiché accettando i rincari senza un'accurata valutazione, si rischia di agevolare un mercato che non tutela i cittadini, bensì li costringe a subire le condizioni dettate sempre e solo dai più forti.

condividi su facebook