15 aprile 2018
ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO (ABF): LA PARTECIPAZIONE DI ADICONSUM
ALL'INCONTRO SULLE RISOLUZIONI STRAGIUDIZIALI DELLE CONTROVERSIE

Si è svolto mercoledì 11 aprile presso la Sede di Firenze della Banca d'Italia il convegno sull'Arbitro Bancario Finanziario che ha interessato le risoluzioni stragiudiziali delle controversie. Il collegio territoriale che include la regione Toscana è quello di Bologna, il quale decide i ricorsi presentati dagli utenti che dichiarano l'indirizzo di residenza o domiciliare in Emilia-Romagna o in Toscana.

Dopo la registrazione dei partecipanti, il Direttore della Sede di Firenze della Banca d'Italia Mario Venturi ha presentato i vari ospiti parlando della correttezza e della trasparenza delle procedure adottate, in cui il ruolo attivo della vigilanza ne arricchisce l'orientamento alle azioni.

Subito dopo, la parola è stata data al Presidente del Tribunale di Firenze Marilena Rizzo, la quale ha espresso l'entusiasmo nell'intervenire su un tema così impostante che permette al cittadino di non perdere il diritto d'azione. "La fiducia che il Tribunale ripone verso la Banca d'Italia e viceversa, permetteranno di creare sinergie e banche dati in parallelo, per cui se l'ABF risolve le questioni come il giudice ordinario, è una grande opportunità ed il cittadino non deve farsela scappare" conclude il Presidente Rizzo.

L'intervento di Stefano Ercoli, titolare della Segreteria tecnica ABF di Bologna, è stato molto utile per spiegare il modo in cui funziona la risoluzione stragiudiziale delle controversie che, solo nel 2017, vanta 30.649 ricorsi pervenuti, con il 93% provenienti esclusivamente dalle Associazioni dei consumatori.

Per quanto riguarda i ricorsi presentati nel 2018 fino ad oggi, il 47% sono solo in Toscana.

I risultati evidenziati mostrano quanto sia importante il ricorso all'ABF per una regione come la Toscana.

Tutti i cittadini che intendono attivare una procedura con l'ABF, possono rivolgersi presso gli sportelli territoriali Adiconsum e ricevere tutte le informazioni necessarie.



condividi su facebook