19 aprile 2016
"NUOVO DL SULL'ANATOCISMO BANCARIO"
VANTAGGI O SVANTAGGI?"

L'anatocismo bancario è quel fenomeno per il quale le banche si riservano il diritto di applicare interessi, non solo sul capitale finanziato, ma anche sugli interessi di mora. Tecnicamente chiamato "capitalizzazione degli interessi", questo fenomeno produce effetti a discapito del debitore, in qualsiasi caso di apertura del credito presso un istituto bancario.

La novità del dl 18/2016 sulla riforma del credito cooperativo approvato dal Senato evidenzia in primis che gli interessi debitori maturati non possono creare altri interessi se non quelli di mora. Altro aspetto rilevante è che in precedenza il periodo del conteggio degli interessi del dare e avere, sia per la banca che per il cliente, era inferiore all'anno; con suddette modifiche, invece, il calcolo viene effettuato allo scadere dell'intero anno.

Il doveroso può essere saldato entro due mesi oppure previa autorizzazione di addebito direttamente sul conto corrente. Gli interessi sul conteggio di mora si riferiscono al mancato pagamento o anche solo al ritardo dello stesso.

Il presidente Adiconsum Toscana Grazia Simone esprime il suo rammarico dichiarando: "Abbiamo sempre lottato per garantire ai cittadini la massima tutela sul credito. Con questo decreto – prosegue ancora il presidente - il cittadino viene messo in condizione di affrontare con difficoltà il rapporto con le banche. Adiconsum si impegnerà per continuare la battaglia contro ogni ingiustizia perché è doveroso da parte delle banche permettere al cliente di poter usufruire di alcuni servizi senza troppe ripercussioni".

Tenendo presente che gli istituti bancari offrono un servizio al cittadino, chi viene realmente tutelato? A voi le ultime considerazioni.

condividi su facebook