18 gennaio 2016
adeguamento tariffe publiacqua fognatira e depurazione
Lettera di FederconsumatoriToscana, Adiconsum Toscana e AdocToscana.


"Al Direttore Generale
Autorità Idrica Toscana


            Con la presente intendiamo esprimere la nostra profonda insoddisfazione e preoccupazione in merito a quanto sta avvenendo relativamente all’invio da parte di Publiacqua di bollette contenti aumenti tariffari e richiesta di  relativi conguagli  per non aver pagato servizi di fognatura e depurazione negli ultimi 5 anni.
Eravamo già stati sommariamente informati di questo ed avevamo già espresso la nostra posizione: Essa, se da una parte, era di apprezzamento per una necessaria sia pure tardiva iniziativa tendente a mettere a pulito una situazione che  si trascinava da tanto tempo, penalizzando tanti cittadini chiamati a pagare servizi non resi magari ben oltre i 5 anni pregressi  (39.178 utenze), mentre altri (18.097 utenti) sono ora chiamati a pagare arretrati di cui non portano alcuna responsabilità; Dall’altra, per la delicatezza dell’operazione abbiamo espresso la nostra preoccupazione.
Infatti, malgrado l’assicurazione di Publiacqua di aver provveduto a un riesame e verifica dei risultati , come richiesto lo scorso anno, in collaborazione con i Comuni, già oggi emergono, su denuncia di cittadini, incongruenze e anomalie che andranno attentamente verificate. Da qui il nostro invito ai cittadini a verificare attentamente la loro specifica situazione.
Il dato che emerge e che  crediamo sia la causa prevalente della legittima denuncia e protesta di tanti cittadini che hanno partecipato alle diverse assemblee pubbliche e  che si sono rivolti ai nostro sportelli, è il fatto che la richiesta di adeguamento tariffario e dei relativi arretrati è dato dalla poca informazione sulla pianificazione e progettazione degli impianti di depurazione data ai cittadini, che sono chiamati a pagare servizi non effettivamente resi, ma spesso solo programmati e nemmeno iniziati o completati alla data di oggi.
A questo proposito vorremmo non solo ribadire che nei nostri precedenti incontri in sede di AIT Publiacqua aveva  sempre fatto riferimento a servizi effettivamente goduti ma non fatturati e che mai si era fatto riferimento all’applicazione di tale adeguamento anche alle utenze per le quali era in corso una progettazione. Elemento per altro già definitivamente superato con la nuova articolazione tariffaria  e le disposizioni dell’AEEGSII in materia.
A ulteriore prova di ciò si può andare a leggere la nota  ufficiale di Publiacqua sul proprio sito web dove si parla conguaglio 2015 necessario  “per adeguare La fatturazione ai servizi effettivamente goduti dagli utenti…” e più avanti di “una verifica accurata al termine della quale è ora possibile contare su una fotografia reale dei servizi effettivamente erogati ad ogni singola utenza”. E ancora dalla verifica emerge che  “.. 18.000 utenze che usufruiscono del servizio di fognatura o di fognatura e depurazione e che saranno oggetto di un adeguamento della tariffa applicata, perché al momento gli stessi servizi non sono loro  fatturati”
Solo cattiva ed erronea comunicazione? Anche di questo intendiamo chiedere conto.
Tutto ciò premesso chiediamo all’AIT una urgente convocazione delle Associazioni di tutela dei consumatori e di Publiacqua per avere finalmente una chiara e dettagliata informazione dei criteri con cui si è arrivati alla richiesta di adeguamento tariffario e delle anomalie che già si stanno evidenziando su denuncia degli stessi interessati, chiedendo fin d’ora alla stessa Autorità non solo di verificare la corretta applicazione degli indirizzi che devono orientare la formulazione degli eventuali adeguamenti se effettivamente dovuti, ma anche di valutare l’inderogabile esigenza di trovare sedi e forme conciliative che approfondiscano le situazioni di fatto ed esaminino tutte le anomalie denunciate.
In attesa di un vostro sollecito riscontro e convocazione, cordiali saluti

Federconsumatori Toscana
Adiconsum Toscana
Adoc Toscana
"


Scarica la lettera:


condividi su facebook