17 dicembre 2014
A Empoli nasce il Suap gestito da Comune e Camera di Commercio
Barnini: «Sfruttare le potenzialità del web». Bassilichi: «Razionalizzate le spese, servizi ampliati»

La sede distaccata di Empoli della Camera di Commercio di Firenze diventa Suap, Sportello unico attività produttive, gestito in maniera associata da Comune di Empoli, Circondario dei Comuni dell'Empolese Valdelsa e Camera di Commercio di Firenze. Lo hanno comunicato il sindaco di Empoli e presidente dell'Unione dei Comuni Empolese Valdelsa Brenda Barnini, il presidente della Camera di Commercio di Firenze, Leonardo Bassilichi e il sindaco di Castelfiorentino e delegato per l'Unione al Lavoro e allo Sviluppo Economico, Alessio Falorni, nell'ambito dell'incontro #OpenDayEmpoli, che si è svolto questa mattina all'Asev di Empoli, al quale hanno partecipato imprenditori ed esponenti delle associazioni di categoria.

«Tutti sono consapevoli che la macchina pubblica deve costare meno, ma allo stesso tempo non può ridurre i servizi. Da questo punto di partenza nasce la riorganizzazione della Camera di Commercio di Firenze sul territorio che a Empoli diventerà Suap grazie alla cogestione con il Comune di Empoli - ha sottolineato Bassilichi a #OpenDayEmpoli -. L'obiettivo è quello di spostare sempre di più i servizi nella modalità online, per la quale stiamo predisponendo una nuova piattaforma più semplice e intuitiva. Saranno invece le imprese a dirci fino a quando lo sportello fisico di Empoli sarà indispensabile. Naturalmente, prima si passa tutto online e prima la Camera risparmia risorse da destinare alle stesse imprese».

«Il territorio dell'Empolese Valdelsa non può più permettersi di fare l'errore di chiedere un'autonomia fine a sé stessa di fronte a quella che è ormai una Città Metropolitana nascente, peraltro la prima in Italia ad aver già prodotto uno statuto – ha spiegato il sindaco di Empoli Brenda Barnini-. Essere autonomi molto spesso ha significato essere e sentirsi isolati. Il modello di sviluppo che proponiamo è quello di mantenere in modo intelligente sul territorio alcuni servizi di prossimità ma allo stesso tempo essere in grado di inserirsi nei filoni di riorganizzazione e assestamento di uffici e funzioni che proporrà la Città Metropolitana. Il modello chiede semplicemente alle imprese un contributo in termini di adeguamento alle nuove possibilità che il web offre. In questo senso credo che da parte di imprenditori, commercianti, artigiani occorra la necessità di capire che i servizi on line possono essere utili a velocizzare e semplificare molta burocrazia. Dall'altro lato noi, come istituzioni, ci impegniamo a diminuirla».

«Per l'Empolese Valdelsa il sistema imprenditoriale è colonna portante del territorio – ha detto Alessio Falorni – rappresenta il volano con cui cercare di uscire dalla crisi. In questo caso il nostro Comune capofila, Empoli, e l'Asev sono riusciti a trovare una soluzione significativa per far continuare a funzionare lo sportello camerale, che ricordo il 31 dicembre doveva chiudere. E' il nostro contributo che però non si ferma qui, attraverso tutti i nostri Suap stiamo lavorando a creare un database unico e centralizzato in grado di potenziare la gestione del 'fascicolo di impresa'».

Dal primo gennaio 2015, in vista dell'apertura del Suap con gestione congiunta, la riorganizzazione dei servizi prevede l'apertura al pubblico tutti i giorni (dal lunedì al venerdì) dalle 9,30 alle 12,30, nella sede Asev di via delle Fiascaie 12. I servizi offerti allo sportello continueranno a essere gli stessi erogati attualmente a eccezione della richiesta di certificati d'origine che dovrà obbligatoriamente essere presentata per via telematica (tramite il programma Cert'O accessibile dal sito della Camera di Commercio). I certificati di origine saranno poi riconsegnati tramite corriere direttamente alla sede dell'azienda o allo sportello di Empoli.