20 agosto 2014
Novità per i ciclisti: individuate 5 corsie preferenziali

“I ciclisti potranno viaggiare solo in cinque corsie preferenziali dedicate al trasporto pubblico. In tutte le altre la circolazione non è consentita”. Prossimo appuntamento i primi di settembre

Cinque le corsie preferenziali dedicate ai ciclisti: via Guido Monaco, via Ponte alle Mosse, viale Ponte di Mezzo, via Sestese e via della Scala, in tutte le altre la circolazione non è consentita.
È quanto è emerso nell’incontro di ieri tenutosi, nella sede  dell’assessorato alla Viabilità,  tra l’assessore ai Lavori pubblici, viabilità e trasporto pubblico locale, Stefano Giorgetti e le sigle sindacali di Ataf: al centro della discussione l’apertura in via sperimentale di alcune corsie preferenziali riservate agli autobus anche al passaggio delle biciclette.
“L’apertura è stata decisa per garantire la sicurezza dei ciclisti - ha spiegato Giorgetti -. Si tratta infatti di strade con corsie di marcia parallela, preferenziale e non, dove adesso col nuovo provvedimento i ciclisti possono viaggiare senza trovarsi in mezzo ad auto e autobus. I ciclisti possono viaggiare solo in queste cinque corsie preferenziali dedicate al trasporto pubblico. In tutte le altre la circolazione non è consentita”. 

"Incentivare l'uso delle biciclette e' sicuramente positivo, aiuta la mobilità cittadina e garantisce una migliore qualità della vita dice Grazia Simone, Segretario Generale Adiconsum Toscana. Ma occorre che l'impegno non sia occasionale o di spot, si richiede informazione alla cittadinanza, agibilità, manutenzione e segnaletica adeguata".

Durante l’incontro i sindacati hanno presentato all’assessore suggerimenti e modifiche per il passaggio delle bici nelle cinque preferenziali al centro della discussione: “Li prenderemo tutti in considerazione, verificheremo la fattibilità, faremo degli approfondimenti - ha concluso - e ci incontreremo di nuovo i primi di settembre per definire insieme la questione”.