_


10 gennaio2014

Caso Bip mobile: in attesa dell'incontro con l'autorità garante delle telecomunicazioni
Sono circa 220mila gli utenti che dall’inizio dell’anno sono stati lasciati senza linea telefonica e traffico dati da Bip Mobile, l’operatore di telefonia virtuale che ha chiuso la sua attività senza dare nessun preavviso ai suoi utenti.

Ancora una volta siamo di fronte ad un caso di mancata tutela del consumatore da parte di operatori virtuali, i quali, non informano adeguatamente gli utenti stessi sulla fornitura dei servizi che vengono erogati da più società con il risultato che, in situazioni di serie problematiche finanziare sono sempre i consumatori a rimetterci.

“Dall’incontro con l’autorità garante delle telecomunicazioni, che si svolgerà a breve con le Associazioni dei Consumatori, ci aspettiamo risposte concrete, dice Grazia Simone, Segretario Generale Adiconsum Toscana. Regole chiare e informazione ai cittadini sono i presupposti fondamentali al fine di evitare vicende spiacevoli come questa. Non si può far pagare gli errori aziendali agli utenti finali, prosegue Grazia Simone; le sedi di Adiconsum sono pronte a sostenere i cittadini coinvolti in questa vicenda e a far sentire la loro voce nelle sedi appropriate”.
Per tutti gli utenti Bip Mobile Adiconsum consiglia di chiedere l’immediata portabilità ad altro operatore telefonico, chiedendo contestualmente anche il trasferimento del credito residuo e inoltrare un reclamo chiedendo anche gli indennizzi e il risarcimento dei danni subiti.
Per ricevere assistenza è possibile rivolgersi alle sedi territoriali Adiconsum.

Mariantonietta Rasulo