28 marzo 2013
conDomini
Buone nuove per i condòmini: è possibile richiedere l’estratto conto intestato al condominio.

Tutti i  condòmini sono legittimati a richiedere alla banca l'estratto conto intestato al condominio. Si è pronunciato in tal senso l’Arbitrato Bancario Finanziario, ABF, dopo un ricorso presentato da una condomina di Ceriale, la quale  ha imposto alla banca la consegna della documentazione relativa al conto corrente intestato al condominio nel quale abita. 
La banca aveva rifiutato la richiesta affermando che, “in osservanza della privacy”, gli estratti conto non possono essere rilasciati se non all’intestatario del conto, ritenendo tale solo il condominio “nella persona dell’amministratore quale legittimo rappresentante”.

L’ABF ha, confermato il proprio orientamento già espresso nella decisione n. 814 del 19/4/2011, in cui ha stabilito che “la natura giuridica del condominio è controversa in dottrina e in giurisprudenza; tuttavia ritiene di aderire alla giurisprudenza di Cassazione prevalente chequalifica “il condominio come un ente di gestione sfornito di personalità giuridica distinta da quella dei singoli condomini”.
 Di conseguenza “l’esistenza di un organo rappresentativo unitario, quale l’amministratore, non priva i singoli partecipanti della facoltà di agire a difesa dei diritti esclusivi e comuni, inerenti all’edificio condominiale”.

Ogni condomino quindi, deve avere il diritto di ottenere direttamente dall’istituto bancario, la copia degli estratti del conto corrente intestato al condominio.
"Bene la pronuncia dell'ABF, dice Grazia Simone, Segretario Generale Adiconsum Toscana. Oggi troppo spesso alle richieste degli interessati ci si trincera dietro il diritto alla privacy, anche quando si e' diretti interessati.”
“ In questa pronuncia, prosegue Grazia Simone, prevale il diritto alla trasparenza, concetto che le banche faticano ad applicare, anche se rispetto al passato qualche passo avanti e' stato fatto." 

Mariantonietta Rasulo