07 dicembre 2012
E' Natale anche per gli sfrattati: sospese le esecuzioni fino al nuovo anno.
La Prefettura e il Comune di Firenze decidono di sospendere i provvedimenti  non solo per  l'approssimarsi delle festività, ma, e soprattutto, di fronte all'aumento crescente degli sfratti per morosità che ormai superano i 150 al mese.

Una decisione presa dal Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica alla presenza del Prefetto di Firenze, Luigi Varratta, del vice sindaco, Dario Nardella  e i vertici provinciali delle forze dell'ordine.

Se da  una parte l'impiego della forza pubblica per eseguire gli sfratti appare comunque una operazione complessa per il territorio e per la comunità, dall'altra durante il periodo natalizio si moltiplicano le esigenze di controllo e prevenzione insieme a quelle più personali di equilibrio e tranquillità.
 
Se questa “pausa” può considerarsi quanto meno opportuna, resta il fatto  che  gli inquilini morosi risultano aumentare in maniera esponenziale, per cui l'esecuzione dello sfratto rimane un palliativo in una situazione economica che necessita di interventi ben più risolutivi.

"La morosità degli affitti e' un altro aspetto della crisi che attanaglia le famiglie, dice Grazia Simone, Segretario Generale Adiconsum Toscana,  ormai sostenere le spese di affitto, energia, riscaldamento, servizio idrico  ecc. e' sempre più difficile.”

“Occorre prevedere formule di sussidiarietà e la costituzione di fondi presso i gestori dei servizi potrebbe essere di aiuto non solo alle famiglie, ma anche alle aziende, prosegue Grazia Simone. Questa e' la proposta di Adiconsum, ma tutti fanno orecchie da mercante.”

“Le Istituzioni convochino le Associazioni dei Consumatori per trovare soluzioni che contribuiscano ad alleggerire questo ormai lungo periodo di crisi" .


Mariantonietta Rasulo