05 giugno 2020
SALDI ESTIVI 2020: UNICA DATA PER LE REGIONI ITALIANE
Adiconsum Toscana: “Attenti alle truffe, soprattutto se acquistate online!”.



La diffusione del Coronavirus ha modificato le nostre abitudini quotidiane e non solo, anche il periodo di inizio e fine saldi estivi per le regioni italiane si è adeguato al cambiamento. Dal 1 agosto 2020 tutte le regioni d'Italia daranno il via ai saldi estivi per una durata di 30 giorni. Tra le novità dovute all'emergenza sanitaria, la sospensione del divieto di vendite promozionali nei 30 giorni antecedenti l'inizio degli sconti ed a stabilirlo è una delibera approvata nella giunta regionale toscana sulla base di quanto stabilito durante la Conferenza delle Regioni e delle province autonome. La regione Toscana, soltanto dopo aver consultato le categorie del commercio locale, si è adeguata alla novità del 2020 permettendo ai commercianti di effettuare vendite promozionali anche nel mese di luglio. Le prime due settimane dopo la riapertura del 18 maggio hanno evidenziato un calo degli incassi per i negozi di abbigliamento e calzature aperti a livello nazionale pari al 70% rispetto al 2019 e a stabilirlo è la Confcommercio dopo aver effettuato un'accurata indagine di mercato.

Il Presidente Adiconsum Toscana Grazia Simone dichiara di essere favorevole all'inizio delle vendite promozionali a partire dal mese di luglio e ricorda ai consumatori di prestare attenzione alle modalità di sconto che vengono effettuate nei negozi, soprattutto se si decide di acquistare la merce online.


A tal proposito, come ogni anno, l'Associazione stila un breve vademecum per aiutare i cittadini ad acquistare in totale sicurezza:
• durante i saldi è possibile cambiare la merce se risulta non conforme agli standard (il negoziante è tenuto a cambiare l'articolo e qualora non fosse possibile, si ha diritto alla restituzione dei soldi e non ad un semplice buono. Conservare lo scontrino fiscale è necessario per far valere i propri diritti);

• qualche giorno prima dell'inizio dei saldi conviene fare un giro nei negozi e e segnare il prezzo originario del capo che si intende acquistare (confrontare il prezzo originario del capo è una buona prassi per verificare il reale sconto applicato);

• attenzione agli sconti dal 50% in su (per concedere uno sconto così elevato, il prezzo iniziale potrebbe essere stato alterato);

• provare i capi in saldo non è un diritto ma è a discrezione del negoziante;

• i commercianti che sulla vetrina del negozio hanno presente il logo del pagamento tramite carta di credito o bancomat sono obbligati ad accettare tali metodi di pagamento;

• mai acquistare merce contraffatta (l'acquisto di prodotti non originali potrebbe causare gravi danni fisici alla persona);

• per gli acquisti online è necessario prestare molta attenzione all'affidabilità del sito sul quale si intende acquistare, inoltre non potendo vedere la merce di persona è necessario essere convinti di scegliere quel prodotto (mai salvare sul sito le credenziali delle carte utilizzate per il pagamento, piuttosto inserirle ogni volta che si intende acquistare un prodotto).


Hai dubbi sui tuoi diritti di consumatore?
Contatta le sedi territoriali Adiconsum Toscana presenti su tutto il territorio
, legali esperti del settore ti spiegheranno in che modo puoi far valere i tuoi diritti e saranno a tua disposizione per tutelarti nelle controversie.

condividi su facebook