07 novembre 2018
ECOREATI TOSCANA: UNICO DATABASE PER LE AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI
La Toscana è la sesta regione italiana per il numero degli ecoreati

Per contrastare la criminalità organizzata, l’Anci Toscana, Legambiente e la Regione hanno valutato un unico database per rilasciare le autorizzazioni ambientali.

Fausto Ferruzza, il Presidente regionale di Legambiente, definisce “non rassicurante” la posizione della Toscana anche se ad un livello intermedio tra le regioni italiane.

Particolare attenzione viene data alla legge 68 del 2015 la quale ha inserito i delitti contro l’ambiente nel codice penale. Se prima della legge alcuni reati come l’inquinamento ed il disastro ambientale comportavano una semplice multa, oggi si può andare in carcere o subire sanzioni di una certa entità economica.

La Toscana è una regione in cui vengono presentate molte denunce di reati da parte dei cittadini e ciò evidenzia una particolare attenzione al tema ambientale.

L’unico database potrebbe essere un mezzo efficace per la lotta alla criminalità organizzata.

Intanto nel 2017 ci sono stati quasi 31mila illeciti ambientali in Italia. Ecomafia e Legambiente hanno presentato alla Camera la documentazione che attesta quanto siano in aumento i crimini contro l’ambiente. Bisogna sottolineare che il settore che desta maggiori preoccupazioni è proprio quello dei rifiuti con un quarto dei crimini ambientali, seguito da animali e fauna selvatica al 23%, incendi boschivi al 21% ed infine dal ciclo illegale del cemento ed abusivismo edilizio al 13%.

Adiconsum Toscana si augura che i cittadini abbiano senso civico e siano costantemente pronti a denunciare i delitti contro l’ambiente. “L’ambiente è un patrimonio da tutelare” afferma il Presidente Adiconsum Toscana Grazia Simone, “dobbiamo essere pronti a segnalare i crimini dei malintenzionati e far sì che l’aria che respiriamo sia sana e pulita. Proteggere la terra dagli ecoreati è un dovere, la nostra salute e quella della terra che ci ospita non possono essere sottovalutate” conclude il Grazia Simone.

condividi su facebook