19 luglio 2017
Procedimento europeo per le controversie di modesta entità
Intentare un’azione giudiziaria per far valere i propri diritti nei confronti di una persona o di una società che si trova in un paese europeo diverso dal proprio potrebbe sembrare un’impresa non facile ma così non è grazie all’istituzione del procedimento europeo per le controversie di modesta entità.

Che cos’è? Si tratta di una procedura giudiziale, alternativa a quelle ordinarie operanti in ciascun Stato Membro, che è stata istituita nel 2009 dall’UE per agevolare l’accesso dei cittadini europei alla giustizia e per aiutarli a districarsi nelle controversie transfrontaliere. Il procedimento europeo per le controversie di modesta entità, istituito con Regolamento (CE) n. 861/2007 (modificato dal Regolamento (UE) n. 2015/2421) si applica alle cause civili e commerciali (con alcune eccezioni) il cui valore non supera i 5.000 euro (esclusi interessi, diritti e spese) e che abbiano natura transfrontaliera. Sono definiti transfrontalieri i contenziosi in cui almeno una delle parti coinvolte ha domicilio o residenza abituale in uno Stato Membro diverso da quello dell’organo giurisdizionale adito.


 
Per saperne di più scarica qui il depliant

condividi su facebook