27 maggio 2015
MARCO CARRARESI
Ti aspetto domani giovedì 28 alle 19.00
al locale Colle Bereto in piazza Strozzi a Firenze all'aperitivo per la chiusura della campagna elettorale

La nostra priorità per Firenze e la Toscana: il diritto alla salute
La sanità è un tema di cui un consigliere regionale deve necessariamente occuparsi. Ogni anno, infatti, la Toscana spende circa 7 miliardi di euro per la salute, i tre quarti dell'intero bilancio della Regione. Come membro della Commissione Sanità del Consiglio regionale, mi sono impegnato soprattutto per il nostro sistema salute. Nonostante i progressi, resta ancora molto da fare per rendere la sanità toscana più efficiente, equa e sostenibile. Bisogna continuare, con passione e competenza, a lavorare per un ulteriore salto di qualità.

Intanto occorre ridurre sprechi e burocrazia. Quasi 20 Enti sanitari erano davvero troppi per la Toscana e la recente riduzione da 12 a 3 Aziende Sanitarie è sicuramente un fatto positivo. Adesso serve, però, il coraggio di continuare il dimagrimento con l'eliminazione della burocrazia inutile e costosa.

Uno degli obiettivi primari è migliorare la tempistica. Le prestazioni sanitarie devono essere erogate al massimo entro 30 giorni dalla richiesta del medico, e non oltre i 10 giorni nel caso di accertamenti urgenti. Le liste di attesa devono costituire l'eccezione, e comunque devono avere tempi più brevi e ragionevoli.

Vanno poi rivisti i ticket sanitari: gli utenti finanziano già per un terzo la spesa sanitaria e sociale con le loro tasse: visite e gli esami indispensabili devono tornare ad essere gratuiti, specialmente per malati cronici e anziani.

Occorre poi dare ai pazienti, ogni volta che sia possibile, la libertà di decidere dove e da chi farsi curare, senza essere costretti a ricorrere a strutture a pagamento.

Negli ultimi 15 anni i posti letti negli ospedali toscani si sono più che dimezzati. Se è giusto ridurre all'essenziale i ricoveri, è però altrettanto necessario disporre di strutture territoriali di qualità e capaci di offrire prestazioni tempestive in alternativa al ricovero ospedaliero.

Infine occorre puntare di più sulla professionalità. Non sempre la sanità toscana ha scelto i migliori. Troppe volte primari e dirigenti sanitari sono stati selezionati più per "orientamento politico" che per le loro qualità professionali. La sanità toscana del futuro, invece, dovrà scegliere il proprio personale con la massima trasparenza e privilegiando sempre la competenza.


 

Marco Carraresi

condividi su facebook