27 ottobre 2017
LA TRASPARENZA DI ADICONSUM TOSCANA RACCHIUSA NEL BILANCIO SOCIALE 2016
In occasione del Consiglio Generale, Adiconsum Toscana ha presentato il Bilancio Sociale dell'Associazione in data 20 ottobre 2016 presso la sede Cisl di Via Carlo del Prete 135 di Firenze.


Molti gli interventi che si sono alternati durante la presentazione dell'operato di Adiconsum. Ogni anno, l'Associazione rendiconta tutte le attività svolte attraverso l'esibizione dei dati ufficiali che vengono raccolti all'interno del Bilancio Sociale.
Adiconsum assiste giornalmente il cittadino/consumatore ed è presente su tutto il territorio toscano con sportelli e punti di assistenza. Conciliatori ed esperti legali sono costantemente a disposizione per risolvere le controversie ed è doveroso nei confronti della cittadinanza, esibire programmi, attività e risultati raggiunti.
Sono 1.967 i reclami gestiti dall'Associazione nel 2016, un totale di 241 reclami in più rispetto al 2015, con un indice di positività pari al 74%.
I reclami gestiti hanno interessato principalmente il settore delle telecomunicazioni ed i servizi finanziari con il 28%, seguito dal settore energia con il 14%, i servizi generali per i consumatori con il 10% ed il restante 20% comprende pratiche relative ai settori del commercio, turismo, trasporto, salute e pubblica amministrazione.
I reclami nel settore finanziario sono aumentati in quanto Adiconsum Toscana ha operato come intermediario per facilitare l'accesso al contributo regionale di assistenza per gli obbligazionisti toscani danneggiati dalle crisi degli istituti bancari, interessati dal riordino operato dallo stato. Le Banche coinvolte sono state 4: Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio, Banca delle Marche Spa, Cassa di Risparmio di Ferrara e Cassa di Risparmio della provincia di Chieti. Le istanze presentate dai cittadini su tutto il territorio toscano sono state 314. Da tener presente che bisogna aggiungere 14 istanze provenienti da altre regioni e che sono state gestite dalle sedi territoriali per il recupero della documentazione.
Le domande di conciliazione presentate nell'arco dell'intero anno sono pari a 338, di cui 262 conclusesi con un esito positivo, per un totale di 98.034,44 € recuperati a favore dei cittadini, con un indice di positività del quasi 83%. 277 conciliazioni riguardano il settore delle telecomunicazioni, 51 quello dei servizi postali e BancoPosta, seguiti da 9 conciliazioni per il settore energia. Rispetto al 2015 sono state gestite 65 conciliazioni in più, a cui corrisponde una differenza di 22.000,00€ sugli importi recuperati a favore dei cittadini.
Adiconsum ha concluso positivamente tutti i progetti in collaborazione con la Regione Toscana, partecipando alle riunioni indette dal CRCU, al Tavolo della Qualità dei Servizi Pubblici Locali con l'Anci, al Tavolo dell'Autorità Idrica Toscana ed al Forum della sanità. Con la Camera di Commercio ha partecipato al Tavolo dell'Osservatorio Anticontraffazione e con il Comune di Firenze, ha partecipato alla Commissione per il Controllo delle Rilevazioni dei Prezzi al Consumo.
Durante il Consiglio Generale è intervenuto il Presidente Adiconsum Nazionale Carlo De Masi, il quale ha ribadito l'importanza della mission di Adiconsum nel promuovere azioni a favore della tutela dei diritti dei cittadini/consumatori e utenti.
Il Presidente Generale Adiconsum Toscana Grazia Simone ha dichiarato: “La condivisione del Bilancio Sociale ci permette di valutare con minuziosità i risultati raggiunti e quelli ancora da perseguire. Nonostante le difficoltà degli ultimi anni dovute ad una sempre minore fonte di finanziamento, Adiconsum continuerà a guardare al futuro con ottimismo ed a fornire tutto il supporto necessario a chiunque ne abbia bisogno”.

Clicca per scaricare programma della presentazione

Clicca qui per scaricare "Bilancio Sociale 2016" di Adiconsum Toscana

condividi su facebook